fbpx

Chi Siamo

Siamo un’associazione senza fini di lucro, nata nel 2017 con l’obiettivo di creare collegamenti tra l’Europa, l’Italia e le principali aree di migrazione a livello globale. Svolgiamo attività di volontariato per promuovere la solidarietà, la protezione dei diritti civili e sociali e lo scambio interculturale. Crediamo fortemente nel potere della resilienza, della trasformazione e dell’impatto che ogni singolo individuo può avere nel mondo, per se stesso e per gli altri, e per questo lavoriamo per realizzare iniziative di cooperazione, inclusione socio-culturale, educazione non formale e sensibilizzazione, volte a sostenere le comunità nei cui territori ci sono conflitti e/o condizioni particolari che necessitano di assistenza o sostegno.

Perché?

Vogliamo costruire una società aperta e curiosa verso le altre culture, specialmente quelle dei popoli che si affacciano sul Mediterraneo, ripensando il significato dei rapporti tra loro. una società dove il valore e le opportunità del singolo non siano definiti dal passaporto posseduto ma anzi, dove la diversità diventi un punto di forza che arricchisce ed espande le relazioni e il potenziale umano.

Costruiamo ponti tra persone, culture e  paesi differenti con l’obiettivo di realizzare una società più equa, diversificata, inclusiva e rispettosa di tutte le sue componenti.

Come abbiamo provato a migliorare il mondo finora

4

PROGETTI ATTIVI

26

VOLONTARI

424

BENEFICIARI

2

NAZIONI

Conosci la squadra

Erika Capasso

PRESIDENTE

Laureata in Cooperazione internazionale all’Università di Bologna e da sempre attivista politica per i diritti umani, ha lavorato come collaboratrice presso il Parlamento Europeo, dove ha seguito i lavori delle Commissioni LIBE e DEVE su Immigrazione, Asilo e Sviluppo e in particolare sulla riforma del Regolamento di Dublino. Attualmente è ricercatrice presso l’Università di Bologna.

Emanuela Pergolizzi

VICEPRESIDENTE

Cresciuta a cavallo tra Italia e Turchia, dove ha trascorso quasi dieci anni in diversi momenti della vita, si laurea in Relazioni Internazionali a Bologna, prosegue gli studi in Francia e poi con un Master in Storia, Antropologia e Traduzione presso la SOAS di Londra. Tornata a Bologna a fine 2017, lavora come mediatrice linguistica, interprete e traduttrice.

Emilio Gagliardini

COMMUNICATION MANAGER

Diplomato come perito informatico e poi diventato Art Director, lavora da anni in agenzie pubblicitarie su brand internazionali. Intollerante alle ingiustizie, sfrutta le sue competenze professionali nella comunicazione politica e sociale, e dal 2018 è communication manager di Hayat.

Virginia Sarotto

Laureata in Filosofia presso l’Università di Torino, attualmente sta per laurearsi in magistrale in Relazioni Internazionali presso l’Università di Bologna. Grazie a un viaggio in Libano e ad un tirocinio presso l’Ambasciata Italiana ad Amman, in Giordania, familiarizza con la problematica dei rifugiati siriani e con il mondo della cooperazione internazionale, ambito in cui ha lavorato come Project Assistant presso Interarts a Barcellona.

Wisam Armanazi

Wisam Armanazi è uno studente di International Business all'università di Rotterdam. Ha trascorso 3 anni a lavorare con diverse ONG in Turchia nel contesto della crisi siriana. Armanazi è una persona ambiziosa e impegnata che ha vissuto gli ultimi 6 anni in 4 paesi diversi. Parla 5 lingue, di cui 4 fluentemente.

Claudia Selmi

Alla ricerca di poesia, per anni lavora nel mondo del digital, della musica alternativa e dei fumetti come redattrice, blogger, creatrice di contenuti, curatrice di eventi a Milano e Parigi. In seguito si dedica all'attività di insegnante d'italiano per stranieri sperimentando metodologie attive ispirate principalmente alla scuola Asnada, e orientate alla libertà, alla creatività e alla pace.

Chiara Cantelmo

Arrivata in Erasmus ad Istanbul nel 2011, decide di rimanerci a lungo e di dedicarsi allo studio della lingua e della cultura turca. Negli anni seguenti continua a viaggiare e a lavorare in contesti multiculturali, diventando insegnante di italiano per stranieri. Nel 2019 consegue un dottorato in Studi politici con una ricerca sulla storia contemporanea turca e si trasferisce dalla Norvegia a Bologna, dove svolge attività di mediatrice linguistica.

Alessia Galli

Diplomata al liceo linguistico, parla fluentemente inglese, francese e spagnolo; sta per laurearsi in Comunicazione Interculturale all'Università degli studi Milano-Bicocca, corso durante il quale ha approcciato la cultura e la lingua araba. Da sempre affascinata dagli ambiti artistici, si è formata da autodidatta nel campo della fotografia e attualmente lavora come fotografa freelance.

Simona Schettino

Laureata in Filosofia a Napoli, si specializza in Scienze filosofiche all’università di Bologna. Da anni si dedica con passione all’educazione non formale alla Nonviolenza, attraverso laboratori interattivi con bambini e adulti del territorio. Attualmente lavora come operatrice per diversi Centri di accoglienza, entusiasta della ricchezza che l’incontro con l’altro porta con sé anche nei contesti più difficili.

Alice Montioni

Laureata in Scienze Internazionali e Diplomatiche attualmente sta per laurearsi in magistrale in Sviluppo Locale e Globale presso l’Università di Bologna. Ha svolto un tirocinio presso Hayat decidendo poi di continuare la collaborazione come socia volontaria dedicandosi ai progetti che Hayat sta sviluppando nell’ambito inclusione. Ha da sempre un interesse personale sul tema delle migrazioni e dell’ inclusione.

Mariasole Marotta

Diplomata al Liceo delle Scienze Umane, si sta per laureare in Antropologia, Religioni e Civiltà Orientali presso l'Università di Bologna. Da sempre è interessata a tematiche di migrazione e integrazione culturale che l’hanno portata a partecipare ed organizzare campi di volontariato in Medio Oriente, Dopo aver svolto un tirocinio presso Hayat, ha deciso di rimanere all’interno dell’associazione come volontaria, collaborando alla creazione di momenti di incontro e inclusione.

Wouri Bah

Originario del Mali, vive in Italia da tre anni. Ha lavorato come sarto e commesso in Mali, e oggi lavora come magazziniere a Bologna. Parla molte lingue diverse grazie ai suoi vari spostamenti tra l’Africa e Europa ( pular, soninke, bambara, mandinga, tedesco, francese, italiano). Wouri crede da sempre nell’importanza del sostegno e dell’aiuto reciproco, perché “ci si salva solo assieme”. Proprio per questo è diventato un volontario di Hayat, e opera come mediatore linguistico e culturale all’interno dell’associazione.