fbpx

DISEGNARE IL PRESENTE. È online l'ebook con le tavole dei graphic journalists che hanno partecipato al progetto.

Siamo felici di presentarvi Disegnare il presente con il graphic journalism, l’ebook che raccoglie le tavole con le storie a fumetti elaborate durante il corso di graphic journalism da 40 giovani di diverse nazionalità residenti nei territori di Bologna, Ferrara, Parma e Piacenza, all’interno del progetto “Graphic journalism. Documentare e raccontare le discriminazioni per una nuova cultura dei diritti e della pace” realizzato in partenariato con CEFA Onlus, Cooperativa Sociale Le Pagine, Ciac Onlus, CEFAL e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna.

Hayat ha avuto il grande piacere di coordinare il gruppo di 19 partecipanti da Bologna, durante la formazione online di graphic journalism con il fumettista Claudio Calia, e accompagnare il gruppo attraverso una serie di incontri atti a stimolare la costruzione attiva di narrazioni personali e sensibili sulle situazioni quotidiane di discriminazione e di disagio sociale nel contesto territoriale emiliano-romagnolo.

L’ebook è online e potete sfogliarlo qui: https://issuu.com/cefaonlus_1/docs/raccontare_il_presente_web

Il progetto è partito con la ricerca dei partecipanti attraverso una call, a cui hanno risposto ragazze e ragazzi dai 16 ai 30 anni, di diverse nazionalità, dei territori provinciali di Bologna, Ferrara, Parma e Piacenza. Tutte e tutti appassionat* di fumetto, disegno e diritti, ognun* a suo modo: da autodidatta, per percorso di studi, per passione, per inclinazione o per vocazione. Attraverso la formazione proposta, la maggior parte di loro ha affrontato per la prima volta la strutturazione di una storia a fumetti in cui narratrici e narratori sono direttamente coinvolti e possono scegliere punti di vista, espressività e scopo, sorta di gratificazione che sopraggiunge all’altrimenti prevedibile sentimento di ingiustizia. Infine, con grandissimo e appassionato impegno, i lavori vengono conclusi e consegnati.
Una specie di iniziazione al graphic journalism, per la quale anche gli incontri e le discussioni di gruppo hanno giocato un ruolo importante, grazie all’ascolto dei diversi punti di vista, dei temi cari e delle storie di tutt* le/i partecipanti, in una continua re-integrazione di sguardi e idee, “incontrando montagne”, mettendosi in gioco, imparando tante cose sul disegno ma anche sulle proprie modalità di affrontare un progetto, e di costruire un’idea, e infine, vivendo momenti speciali e reali di scambio autentico, sfida e com-partecipazione.
A chiudere idealmente il cerchio, il progetto ha permesso di aprire un confronto diretto e partecipato del gruppo con alcune figure che per il ruolo politico e decisionale sono chiamati a dare risposte concrete alle esigenze e alle preoccupazioni che la nostra società vive in questi anni complessi. Un ciclo di incontri organizzati a livello territoriale che ha permesso una prima ed efficace forma di discussione e riflessione collettiva a partire da quel “ragionare per immagini” che ha accompagnato l’intero percorso. 

Nello specifico, Hayat e CEFA hanno mediato l’incontro in diretta streaming tra i giovani graphic journalists con:
Elly Schlein | vicepresidente della Regione Emilia-Romagna
Simona Brighetti | responsabile dell’Ufficio di Coordinazione del Patto per la Lettura di Bologna
Liliana Cupido | tra i fondatori di Canicola, associazione culturale e casa editrice indipendente di fumetti
Ringraziamo di cuore le ospiti per aver accettato il confronto e risposto alle domande proposte dalle ragazze e ragazzi che hanno animato questo progetto.
Potete rivedere l’incontro registrato qui: https://www.youtube.com/watch?v=IgLF0BMLQdo&t=3s&ab_channel=CEFAONLUS-Ilsemedellasolidariet%C3%A0

Inoltre, l’uscita dell’ebook è stata celebrata con un concerto in diretta dal Mercato Sonato di Bologna, che potete ugualmente ritrovare online qui: https://www.youtube.com/watch?v=OuNzkK8Abbw&ab_channel=CEFAONLUS-Ilsemedellasolidariet%C3%A0

Il primo risultato tangibile del percorso sviluppatosi in pochi mesi è il libro che vedete.
Buona lettura!