fbpx

Come rilevato dagli osservatori internazionali,  nella regione orientale della Ghouta in periferia di Damasco , ed in particolare a Douma, sua città principale, la situazione umanitaria è gravissima.

Si parla di 400.000 persone assediate, sotto bombardamento continuo. Mancano viveri, medicinali, beni di prima necessità.

Hayat, insieme ad Amaal e in sinergia con United Liberated e la realtà locale di Unified Relief Office, e grazie soprattutto all’impegno dei nostri volontari locali, è riuscita a creare un sistema di reperibilità dei viveri di base (riso, verdure in scatola e farina), che vengono cucinati e confezionati in monoporzioni per famiglia, da distribuire alle famiglie all’interno dei rifugi.

I viveri vengono recuperati dalle campagne circostanti e resi accessibili grazie ad accordi presi con commercianti locali, svincolati dalle milizie, i quali, data la situazione di emergenza, mettono a nostra disposizione le loro scorte personali  a prezzi favorevoli .

Servono circa 10 $ a famiglia per un pasto giornaliero.

I nostri attivisti in loco fanno da tramite, garantendo la distribuzione dei pasti in modo efficace e trasparente e quanto più possibile sicuro.