fbpx

GIORNATA INTERNAZIONALE DELLE DONNE SOTTO ASSEDIO, CLORO E NAPALM

Nella Giornata Internazionale della Donna, ci sentiamo di fare nostro e di condividere  l’appello di Woman Now for Development.

Di seguito la traduzione a cura di Hayat. Potete trovare l’articolo originale qui.

 

In occasione della Giornata internazionale della donna solitamente celebriamo i risultati delle donne, evidenziamo i loro successi e facciamo luce sul loro empowerment. Ma oggi non è un giorno normale. Sono passati 17 giorni da quando il nostro team, composto da oltre 60 donne, insieme a tutti i civili nella Ghouta orientale sono stati costretti a vivere sottoterra. Vivono in bunker umidi, bui e male equipaggiati che non hanno né cucine né bagni. E’ difficile per giunta mangiare, poiché non c’è cibo che raggiunga la zona.

La scorsa notte è stata la peggior notte da quando è iniziato l’assalto a Ghouta. Il nostro team sta segnalando che si è trattato di “una notte catastrofica con gas al cloro e bombe a grappolo”. In aggiunta a ciò, il recente convoglio di aiuti è stato privato del 70% delle sue forniture di aiuti medici e non è stato in grado di completare la distribuzione. Questo è uno dei più terribili sviluppi della situazione umanitaria nella Ghouta orientale.

In queste circostanze, le donne chiedono la fine immediata dello spargimento di sangue, il silenzio delle armi, il permesso di entrare nell’area e l’assedio. Soprattutto, deve essere garantita la protezione dei civili in conformità con il diritto internazionale umanitario.

In questo giorno in cui celebriamo le conquiste delle donne, non dovremmo dimenticare coloro che sono stati costretti nelle tenebre. E anche da queste oscure cantine e bunker, i messaggi ci raggiungono ogni giorno, aggiornandoci sulla situazione e mostrando la forza e la leadership delle donne. Abbiamo pubblicato le storie e fornito una piattaforma per queste donne per condividere le loro paure, pensieri e speranze.

La situazione in tutto il paese è drammatica e i civili sono in pericolo in molte aree. Le richieste disperate ci raggiungono dalle donne di tutto il paese, temendo per la loro vita e il futuro delle loro famiglie. Siamo solidali con tutti i civili in Siria.

In questo giorno, si prega di agire e sensibilizzare sulla situazione nella Ghouta orientale e nel resto della Siria. Non possiamo più permetterci di tacere di fronte a tali atrocità!

 

Ci sono tre azioni che puoi intraprendere:
1) Segui e condividi le storie delle donne e resta aggiornato su Ghouta su Facebook e Twitter
2) Inviaci i tuoi messaggi di supporto su Facebook, Twitter e Instagram che possiamo condividere
con i nostri colleghi e altre donne a Ghouta
3) Fai una donazione per sostenere donne e ragazze siriane in Siria e aiutaci a continuare il nostro lavoro.