fbpx

Amal Al Hayat Merkezi

Amal Al Hayat Merkezi

Amal Al Hayat è un community center per donne e bambinə sirianə sfollate nella città di Gaziantep, Turchia. Ai margini della città, in un quartiere fragile e povero, abbiamo aperto insieme ad Amal for Education e ad associazioni locali un luogo sicuro di comunità in cui implementiamo percorsi di supporto psicosociale e educazione.

A novembre 2021 sono presenti in Turchia oltre 3.7 milioni di migranti sirianə, fatto che rende la Turchia il paese con il numero più alto di profughə nel mondo. Gaziantep, a 90 chilometri da Aleppo, è una delle città più segnate dalla presenza della comunità siriana perché ospita circa mezzo milione di persone. 

Crediamo profondamente che offrire uno spazio di educazione e tutela delle persone rifugiate sia una questione di giustizia fondamentale, perché riteniamo che una comunità giusta e pacifica si costruisca sulla risposta a esigenze di salute, sociali, economiche, culturali ed emotive dei più vulnerabili.

Nel 2019, grazie ai fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese, abbiamo aperto il community center Amal al Hayat insieme ad Amal for Education: nello stesso periodo è iniziato un mutamento del contesto politico di accoglienza rispetto al passato, con un inasprimento delle verifiche di documenti e permessi dei rifugiati, deportazioni interne ed esterne di cittadini siriani, una maggiore intolleranza della popolazione e delle autorità locali, aumento del lavoro in nero e minorile, controlli vessatori e pretestuali delle NGO che si occupano di sostegno alla popolazione siriana. La marginalità della comunità siriana è inoltre stata acuita dalle conseguenze della pandemia COVID-19 che ha interrotto per moltissimi bambini il percorso scolastico, ha determinato la perdita di posti di lavoro e posto a ulteriore rischio la sopravvivenza minima di molti nuclei familiari.

Il centro sorge nel quartiere periferico di Guneş a Gaziantep, un’area marginale, fragile e povera già prima dell’arrivo delle famiglie siriane, che si sono insediate in gran numero a partire dal 2011. L’area vede quindi la compresenza della comunità turca con quella siriana, entrambe nelle loro forme più vulnerabili, fattore che rende indispensabile un’azione di sostegno specifico alla comunità rifugiata, ma che anche non deve trascurare un’azione parallela di cura e coinvolgimento di quella turca, attraverso la costruzione di dialogo e coesione fra le due parti.

Amal al Hayat Merkezi, “La Speranza della Vita” è oggi un piccolo, reale luogo di socialità e coesione, tutela dei diritti, integrazione e sviluppo per donne, ragazzə e bambinə dove Hayat porta avanti, in collaborazione con ong locali, percorsi di supporto psicosociale e ricreativo.

QUESTO PROGETTO È

100

BAMBINI COINVOLTI

3

ATTIVITÀ RICREATIVE E DI SUPPORTO PSICO-SOCIALE SETTIMANALI

30

DONNE PARTECIPANTI

2

INCONTRI SETTIMANALI CON LE ONG LOCALI

SVILUPPATO DA:

CO-FINANZIATO DA:

IN COLLABORAZIONE CON: