fbpx

DOM_US

Il progetto “Dom_Us: uno spazio in comune” nasce da un’idea di Hayat Onlus che, grazie al   sostegno di ActionAid e di Fondazione Realizziamo il Cambiamento, si pone l’obiettivo di rispondere all’emergenza abitativa vissuta da migranti con diverse storie, esperienze e status giuridici. Il nostro intento è quello di affiancarli in un percorso di maggiore autonomia e indipendenza, in cui la possibilità di avere una casa, oltre ad essere un loro diritto fondamentale, rappresenta un punto di partenza imprescindibile per la costruzione del proprio futuro.

DOM_US è un progetto che si allontana da logiche emergenziali ed assistenzialiste, e che punta al contrario a creare dinamiche virtuose che durino nel tempo, che si possano instaurare tra i beneficiari del progetto e la comunità di riferimento nel suo insieme.

Intendiamo combattere il pregiudizio razziale e le forme di discriminazione diffusi nella nostra città, che limitano il godimento di numerosi diritti, tra cui l’accesso a soluzioni abitative stabili, benché siano presenti le possibilità economiche e le condizioni legali adatte per vivere in modo indipendente.

Vogliamo  affrontare il tema dell'abitare come atto complesso, ovvero considerando la sua dimensione fisica, economica e legale ma anche territoriale e relazionale.

Il progetto si fonda sull’affiancamento di  un gruppo di sei ragazzi a nella ricerca della casa, accompagnandoli sia nelle fasi iniziali – ricerca, visita delle case, firma del contratto d’affitto – che nei momenti successivi, aiutandoli nella mediazione con il proprietario di casa ed eventuali coinquilini o condomini.

I partecipanti al progetto “Dom_Us” sono tenuti a pagare l’affitto ogni mese e avranno la responsabilità e l’autonomia del contratto di casa e delle bollette. Contemporaneamente però Hayat li supporterà nell’anticipo della caparra e nel fornire le garanzie eventualmente richieste. Un elemento creativo d’innovazione sta nel fatto che durante il primo anno di transizione i partecipanti saranno chiamati a versare una quota di auto-solidarietà che costituirà il proprio cuscinetto utile alla totale autonomia da cui ripartire al termine del percorso di transizione abitativa. La sostenibilità a lungo termine del progetto sarà appunto garantita dal fondo precauzionale di auto solidarietà che permetterà di prolungare il progetto anche dopo la sua fine in senso stretto, tramite risorse finanziarie esterne al budget previsto. Ciò sarà portato avanti con modalità peer to peer da chi nel primo  anno avrà  intrapreso il percorso di transizione abitativa.

La nostra volontà è quella di instaurare legami duraturi e solidi, che non si limitino alle mura di casa ma le superino, creando una rete di rapporti con i condomini, il vicinato e il quartiere. Riteniamo perciò fondamentale la condivisione di spazi e momenti di confronto, scambio, dialogo e divertimento, con il fine di costruire le fondamenta per una partecipazione attiva alla cittadinanza.

Se sei un proprietario/a immobiliare, se hai degli appartamenti disponibili, se conosci qualche agenzia immobiliare che potrebbe aiutarci, contattaci a info@hayatonlus.org e aiutaci a rendere questa felicità accessibile a tutte e a tutti!

QUESTO PROGETTO È

SVILUPPATO DA:

CO-FINANZIATO DA:

FONDAZIONE REALIZZA IL CAMBIAMENTO

IN COLLABORAZIONE CON: